I boschi

Šume

Gli habitat boschivi sul territorio del Parco naturale Učka sono i più numerosi e coprono più del 70 % della superficie totale del Parco. La caratteristica più importante dell’Učka e della Ciceria, dal punto di vista scientifico naturale, è sicuramente la presenza dei boschi di faggio nelle zone delle vette, oltre gli 800 metri, i quali non sono collegati in modo continuo con il resto delle faggete nell’ordine litoraneo delle alpi dinariche e s’innalzano come isole al di sopra della zona submediterranea. La maggior parte dei boschi di faggio dell’Učka e della Ciceria appartiene allaassociazione della faggeta litoranea la quale presenta forti caratteristiche di passaggio verso il continente, mentre solo la vetta più alta dell’Učka è ricoperta dafaggeta submontana.

Nella fascia della vegetazione mediterraneo-montana, i boschi più importanti sono quelli di carpine nero e sesleria d’autunno, nonché i querceti.

Tra le altre associazioni boschive meno rappresentate, da nominare il bosco submediterraneo di castagno sui pendii orientali, nonché i boschi di roverella e carpino orientale che oggi si può trovare sotto forma di boscaglia e ceppaia nelle zone più calde del Parco.

Nel Parco si trovano anche grandissime superfici di culture piantate di conifere, per lo più pino nero (Pinus nigrae abeti rossi (Picea abies).

Nei boschi vivono numerose specie protette o in via d’estinzione come ad esempio l’olivella (Daphne laureola), il dente di cane (Erythronium dens-canis) oppure il giglio martagone (Lilium martagon), ecc. Tutte e tre le specie sono protette e in via d’estinzione, ma rimangono comunque la meta preferita dei visitatori che spesso amano raccoglierle.